L'eredità romana di Poitiers

 
Città ricca di patrimonio...

La capitale della regione Poitou-Charentes ospita più di 80 edifici classificati. Poitiers oggi è nota per la ricchezza del suo patrimonio e risplende per le sue nuove infrastrutture. Il moderno e l'antico si coniugano in tutta la città. Dal battistero di Saint-Jean al nuovo Teatro auditorium, la capitale della regione è delineata intorno a un patrimonio vivente e armonioso.


... nel cuore della storia francese.

A Poitiers sono state scritte molte pagine della storia francese. Scoprite le strade strette dei quartieri medioevale e i vari monumenti classificati aperti al pubblico. Fermatevi ad osservare più di 2.000 anni di storia e prestate attenzione. Presente fin dall'antichità, tra il fiume Boivre e il Clain, l’antica Lemonum presto diviene la capitale dei Pictoni. Invasa molte volte, la città si difese innalzando delle mura di cinta. L’avvento del cristianesimo nel IV secolo dà vita alla costruzione del battistero di Saint-Jean, uno dei monumenti cristiani più antichi d'Europa. Passano i secoli, la città si dota di numerose chiese e cappelle.

Il XVIII secolo e il XIX secolo danno alla città la sua configurazione attuale. Creazione dei grandi boulevard, sistemazione del parco di Blossac, altrettanti elementi che esistono ancora oggi anche se il passato romanico e medioevale restano molto presenti. A riprova di ciò, le vestigia delle arene, le mura di un monastero che incontrate passeggiando per la città.


Capolavori dell'arte romanica...

Poitiers è senza alcun dubbio una delle città più rappresentative dell'arte romanica in Francia.

Superando tutte le altre, Sainte-Radegonde o Saint-Jean-de-Montierneuf, la chiesa di Notre-Dame-la-Grande ne è un capolavoro. La sua facciata scolpita costituisce un capolavoro dell'arte sacra. Durante l'estate e a Natale, si veste di luci per lo spettacolo delle Policromie. Gli artisti di Skertzò invitano a riscoprire la sua facciata originaria grazie a queste illuminazioni.

Non perdetevi assolutamente Saint-Hilaire-le-Grand. Questa chiesa è iscritta nella Lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO da dicembre 1998 con il titolo di "Cammini di San Giacomo di Compostela in Francia". Ricostruita nel XI secolo sulla tomba di Sant'Ilario, primo vescovo di Poitiers, morto nel 368, la chiesa viene consacrata nel 1049. Un coro di una grandezza inusuale, quattro absidiole che circondano l'abside, tracce di dipinti murali: altrettanti punti che ne fanno una tappa importante del percorso e un punto di incontro per tutti, amanti dell'arte romanica e altri appassionati di storia.


... dove nascono le leggende.

Molte generazioni di abitanti di Poitiers si radunano per ascoltare i racconti leggendari che circondano la storia della città. Magia, draghi e leggende di tutti i tipi affollano Poitiers.

Tra le più celebri, la Grand’Goule, dragone alato sconfitto da Santa Radegonda nel VI secolo. La sua immagine fu per molto tempo uno dei simboli di Poitiers. Ci sono poi anche nella chiesa di Notre-Dame-la-Grande la leggenda del miracolo delle chiavi durante le invasioni inglesi o anche la preghiera fatta a Santa Bauduche per garantire il bel tempo.

Ci sono tante altre storie raccontate a Poitiers. Il dolmen della Pierre levée (pietra alzata) nel quartiere delle Dune e il Bitard, mostro mitico che viveva nella foresta vicino a Ligugé, vengono ancora trasmesse alle giovani generazioni.

 
 
Ufficio del Turismo di Poitiers
45, place Charles de Gaulle - BP 377 - 86009 Poitiers cedex
Tel. : +33(0)5 49 41 21 24 - Fax : +33(0)5 49 88 65 84 - contattateci per e-mail
Dal 21 settembre al 19 giugno: da lunedì a sabato, dalle 09.30 alle 18.00.
Dal 20 giugno al 18 settembre: da lunedì a sabato, dalle 10.00 alle 19.00.
La domenica dalle 10.00 alle 18.00